lunedì 19 luglio 2010

Fratelli gemelli (ed economici!) #1

A volte cerco di controllarmi per evitare di spendere follie su un prodotto solo. Vedi i vari smalti Chanel che, per carità, sono bellissimi ma, diciamocelo, con la stessa cifra potremmo tranquillamente comprare una dozzina di smalti Kiko, giusto per citare un brand. A questo proposito vengono in nostro soccorso le varie dupe-list sparse per il web: una su tutte quella di Temptalia raccoglie prodotti che spaziano dai fondotinta alle matite labbra e per ognuno di essi viene dato un corrispettivo, solitamente un "fratello gemello" economico. L'ormai stra-citato ombretto Satin Taupe di Mac, per esempio, trova duplicati in moltissimi altri brand meno cari. Nel mio piccolo ho iniziato a cercare gemellini per i miei smalti, nella speranza di farvi risparmiare un po'! Iniziamo:
BarryM nail paint nel colore Marshmallow pink (nr.278) contiene 10ml di prodotto per 2.95£ (al cambio di oggi 3.49€) mentre Deborah Sense Tech 100% Mat nel colore 02 contiene 8,5ml di prodotto e costa circa 7/8€.
E' il più bel rosa pesca che io abbia mai visto!

Questi sono due dei miei smalti preferiti. Il colore è assolutamente identico, l'unica differenza sta nel finish. Lo smalto BarryM è lucido, mentre lo smalto Debora ha un finish mat, a cui potete rimediare (se non vi piace) applicando un top coat lucido sopra. Il primo non solo contiene più prodotto ma vi farà risparmiare circa 3.50€!

Kiko numero 297 contiene 11ml di prodotto per 1.90€
mentre Debby Colorplay numero 61 contiene 7,5ml per 3.40€.
E' un verde prato, molto estivo, cremoso senza sbrillini.
Con lo smalto Debby avrete meno prodotto a un costo maggiore, ma nonostante ciò mi sento di preferire quest'ultimo al corrispondente Kiko. Perchè? Il Debby è decisamente più pigmentato. Con una mano otterrete lo stesso risultato di almeno 2 o 3 mani del Kiko. Nonostante la foto, i due colori sono molto simili una volta applicati.


Qui arriva il bello: Zoya nel colore Suvi contiene 15ml di prodotto per 13.50€
mentre Pupa Lasting Color nel colore 104 contiene 5ml per 4.90€.
Si tratta di un verde scuro con sbrillini verde chiaro.
Si, lo so benissimo che, date le quantità dei prodotti, si può dire che i prezzi siano alla pari, visto che 15ml dello smalto Pupa costerebbero circa 15€, se esistesse nella versione extra large! Ma, buona o brutta notizia che sia, gli smalti Pupa sono tutti da 5ml e secondo me questo è un bene. Mi piace questo verde di Zoya, ma onestamente non vale i soldi che ho speso. Per avere un risultato decente bisogna passare almeno 3 mani, se non 4. Lo stesso colore di Pupa, invece, è uno spettacolo, inoltre una mano è già più che soddisfacente, da lì in poi sta solo al vostro gusto personale. Insomma, come dice sempre Lucie, Zoya sarà anche una marca più "figa" ma questo colore, mi spiace, non ha niente a che vedere col piccolino di Pupa. Brava Italia!


Pupa Lasting Color numero 118 contiene 5ml di prodotto per 4.90€
mentre Kiko numero 293 contiene 11ml di prodotto per 1.90€.
Questi colori sono assolutamente identici e nonostante quello di Pupa abbia una pigmentazione strabiliante, per il prezzo e la quantità (e considerata la qualità quasi alla pari) mi sento di consigliarvi quello più economico di Kiko. E' un viola scuro cremoso, senza sbrillini nè glitter. Infine:

Rimmel Pro numero 291 Urban Princess contiene 12ml di prodotto per 4.90€ mentre
Kiko numero 288 contiene 11ml di prodotto per 1.90€. E' un rosa fuxia cremoso senza brillini.
I colori sono quasi identici, il Kiko forse vira un po' più verso l'effetto "neon", che tutto sommato è piuttosto portabile, soprattutto in questa stagione. Il Rimmel contiene più prodotto ma costa di più. Trovo simpatica l'idea dell'applicatore più grande, che a tutti gli effetti rende più comoda l'applicazione, ma non basta per farmelo preferire. La versione di Kiko costa meno e la resa è praticamente identica.

Spero che questo post vi sia stato utile, sentitevi libere/i di indicarmi altri duplicati!
Baci profumati.

domenica 4 luglio 2010

Diego dalla Palma show-room: trucco personalizzato nel tempio della bellezza!


Lo scorso Natale la mia dolce metà mi ha regalato un buono per un trucco personalizzato firmato Diego dalla Palma nel make-up studio di Via della Madonnina, a Milano.
Dopo svariate vicissitudini, sono finalmente riuscita a "riscuotere" il mio buono poche settimane fa e vorrei condividere con voi la mia esperienza.

giovedì 1 luglio 2010

Mac: In the groove!


Questo pomeriggio ho fatto un salto da Mac dopo un bel po' di tempo: ebbene sì, per via dei lavori in casa ho avuto una parentesi di lontananza dal mondo dei cosmetici (ovviamente si fa per dire), diciamo che non ho comprato come al mio solito. Non per questo mi sono fatta mancare lo shopping online! Come sempre, vi dico la verità: questa collezione, dalle immagini promozionali, non mi ispirava un granchè. Nessun colore era rimbalzato ai miei occhi, senza contare che non amo particolarmente le edizioni Mineralize di Mac (escludendo la Style Black). Mi sono chiaramente dovuta ricredere. Ho comprato il Togetherness, il trio cotto che comprende un viola, un lavanda chiaro e un grigio scuro:Tra i vari Mineralize Skinfinish devo ammettere che quello che mi piaceva di più era il By Candlelight, già uscito con la collezione Warm & Cozy. Ne ho parlato con la truccatrice, di cui mi fido ciecamente, che mi ha fatto provare il colore Stereo Rose, sì, proprio quello per cui le americane incallite hanno firmato una petizione! C'è una storia dietro questo Stereo Rose: a quanto pare era inizialmente uscito molto tempo fa (ho trovato review risalenti al 2005) e poi mai più riproposto nelle successive collezioni, cosa che di solito Mac invece fa. In buona sostanza questo è diventato uno di quei prodotti introvabili e infatti, non appena la notizia che sarebbe stato riproposto nella collezione In the groove ha avuto conferma, è cominciato il delirio! In tutta onestà vi dirò che, a guardarlo, non mi è venuta voglia di comprarlo, ma come vi dicevo la truccatrice mi ha detto che secondo lei mi sarebbe stato molto bene. Tempo 10 secondi e me l'ha applicato sulle guance con un risultato che ha lasciato sorpresa anche me. Il sito Mac descrive questo colore come un corallo rosato con riflessi dorati. Insomma, qualcosa che non avrei mai visto sulla mia pelle NW20. Invece, care ragazze, l'apparenza inganna: provate, provate, provate!Per concludere con la collezione In the groove, ho preso gratuitamente (portando sei vuoti) il rossetto Jazzed, un rosa corallo molto più delicato di ciò che sembra dalle immagini! E voi sapete cosa si prova ad avere un rossetto Mac gratis! La collezione presentava anche due rossetti sui toni del rosa, il tanto amato Creme d'Nude (introvabile, nonostante faccia parte della collezione permanente è perennemente sold out) e un viola scuro che sulle labbra è un lavanda abbastanza portabile. Il Jazzed è il colore che mi ha colpita di più, carino vero? :) Baci profumati.

Le immagini senza dicitura www.makeupcompulsivo.blogspot.com sono di proprietà di Maccosmetics.fr e di Temptalia.com